musica : Tool 10,000 years

80 minuti di qualcosa di indescrivibile. Dimenticate tutta l’altra musica, perchè questo album va oltre. Immaginatevi i Pink Floyd vestiti di pelle borchiata che suonano i Melvins con la batteria dei Meshuggah, i riffs di Prong e Helmet, la pazzia degli Swans e la voce di un Jeff Buckley schizoide.

L’album vortica. S’inerpica, si espande, si contrae per poi esplodere e implodere in tempi dispari e cambi stordenti. Niente, ripeto NIENTE può o potrà assomigliare ai Tool. Loro hanno fondato il Nu Metal. Ma Hanno fatto girare la ricetta per i dilettanti. Altri potranno imitare la voce di Maynard (Chevelle e 10 Years), o la lunghezza pesante e liquida della forma canzone (Isis). Pusillanimi.

Andate a sentrivi la traccia 5, The Pot, e ditemi se non è tra le più belle della loro discografia. Sarò a Milano a vederli il 19 giugno.