sarinagaraTitolo: Sarinagara
Autore: Philippe Forest
Casa editrice: Alet
Anno di uscita: 2008
Pagine: 272
Prezzo: 17 €
Per leggerne un estratto: clicca qui



Terza parte della rielaborazione del lutto per la perdita della figlia, questa volta condotta attraverso una meditazione sulla morte e sull’arte nella cultura giapponese. L’opera prende le mosse dall’enigma rappresentato dalla parola sarinagara, impiegata dal poeta Kobayashi Issa in uno dei suoi più celebri haïku. Un avverbio misterioso, che sospende e confonde piuttosto che chiarificare il senso della poesia. E l’enigma della parola sarinagara è il soggetto di questo romanzo che unisce le storie di tre vite: quella del poeta Kobayashi Issa (1763-1827), quella di Natsume Soseki (1867-1916), inventore del moderno romanzo giapponese, e quella di Yamahata Yosuke (1917-1966), reporter militare che per primo entrò a Nagasaki per fotografare le vittime della bomba atomica. Tre esistenze esemplari per un romanzo che si interroga sulla possibilità di sopravvivere alla prova di una realtà straziante.

Segnato dall’esperienza personale della perdita della figlia di quattro anni, l’autore conferma con questo romanzo il proprio impegno “per la vera letteratura del nostro tempo”, dichiarando che “ogni vita, in verità, è un romanzo. E di conseguenza solo il romanzo è in grado di raccontare la vita”.

* * *

Sarinagara è il terzo romanzo di questo sorprendente scrittore, che ha trovato nella sua letteratura e in quella degli altri il senso della vita: un senso che gli sembra, e lo dichiara con eleganza, incredibile come il sogno di un bambino che non capisce dove finisca la vita e dove inizi, appunto, il sogno.

Forest fugge con la moglie nel lontano Giappone per dimenticare l’impossibile: la morte della figlia. In pagine dense di riflessione, racconta la vita di tre uomini legati dal filo rosso del successo, del talento e della dannazione: Kobayashi Issa (1763-1827), l’ultimo maestro dello haiku; Natsume Soseki (1867-1916), l’inventore del romanzo giapponese moderno; Yamahata Yosuke (1917-1966), fotografo delle vittime di Nagasaki. E si trasforma nel quarto personaggio del romanzo attraversando la storia del Giappone con la sicurezza di chi sa bene cosa sia soffrire, perdere un figlio, e vivere la propria diversità. [...]





Materiale tratto da http://www.aletedizioni.it






Libri attinenti al Giappone

kaoani homeVai a inizio pagina
Torna alla pagina precedente
Vai alla home